Header ad
Header ad
Header ad

Fondazione Tobino: a dicembre 2013 pronto il restauro del nuovo edificio

Successo per l’apertura al pubblico del completamento della mostra permanente “Stanze con vista sull’umanità”

Fondazione Tobino: a dicembre 2013 pronto il restauro del nuovo edificio

Ospiterà il “laboratorio della mente” annunciato sabato all’inaugurazione de “la stanza dell’uomo”

A dicembre prossimo sarà pronto il restauro dell’ala adiacente la sede della Fondazione Mario Tobino all’ex ospedale psichiatrico di Maggiano. E poi il laboratorio della mente. Questi gli annunci che il direttore della Fondazione Mario Tobino, Marco Natalizi, ha fatto questa mattina (sabato 16 febbraio) durante l’inaugurazione della sala “la stanza dell’uomo”, realizzata grazie al contributo della Regione Toscana e dedicata alle donne e agli uomini che hanno vissuto nell’ex manicomio di Maggiano.

Presenti all’apertura del primo dei quattro ambientidell’itinerario emotivo permanente “Stanze con vista sull’umanità”che, partendo dalla profonda disperazione, giunge all’umanizzazione del malatopsichiatrico, il presidente della Provincia di Lucca e della Fondazione Tobino, Stefano Baccelli, il vicesindaco del Comune di Lucca Carla Reggiannini, il responsabile del settore cultura della Regione Toscana Gian Bruno Ravenni, il direttore di zona dell’Azienda Usl2 Lucca Marco Farné, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca Arturo Lattanzi, lo storico e archivista responsabile del progetto di storia orale della Fondazione, Giovanni Contini e la curatrice della mostra Alessandra Guidi. Presenti anche due classi dell’Istituto Civitali e del Liceo Scientifico Vallisneri di Lucca, e due alunni dell’Istituto Passaglia (Federico Amadeo e Simone Malinari) che hanno interpretato alcuni brani per sax durante la lettura di un brano da “Per le antiche scale” di Mario Tobino.

“Stiamo avviando un importantissimo progetto – sono state le parole di Natalizi -. A dicembre 2013 dovrebbero essere conclusi i lavori di restauro conservativo della parte di ex ospedale psichiatrico adiacente alla Palazzina dei Medici, dove sarà ricollocata la biblioteca scientifica Giovan Battista Giordano e dove troverà spazio un ‘Laboratorio della mente’ in cui confluiranno i frutti delle ricerche che la Fondazione ha in questi anni condotto in diversi ambiti: storico, storico della psichiatria, psichiatrico, letterario, di storia orale. Sarà un luogo restituito alla collettività e di interazione emozionale. È infatti continuo ed in costante crescita l’afflusso di persone da tutta la Toscana alla nostra Fondazione per confrontarsi con il tema del disagio mentale, e si avverte il bisogno diffuso di strumenti di lettura, comprensione e interazione”.

 “Ciascuna persona che abbia una memoria personale riguardante il manicomio – ha aggiunto Giovanni Contini, che in questi mesi con il gruppo di ricerca della Fondazione Tobino ha raccolto decine di testimonianze di ex infermieri, medici e degenti che hanno vissuto e lavorato nella struttura dall’inizio degli anni Cinquanta al momento della sua definitiva chiusura nel giugno del 1999 – può contribuire sua sponte inviando interviste realizzate con le moderne tecnologie, e diventare così parte del grande tessuto di storie che è l’ex ospedale psichiatrico di Maggiano”.

Identità perdute: la stanza dell’uomo

stanza dell'uomo - armadioIn quello che è l’ampliamento e il completamento del percorso museale permanente della Fondazione Tobino, i moltissimi visitatori che arrivano a Maggiano soprattutto nelle aperture straordinarie dell’ultimo fine settimana di ogni mese possono da oggi trovare anche una parete della memoria con un mosaico composto dalle fototessere di alcuni delle migliaia di volti che hanno percorso queste stanze, da osservare nella penombra, dietro ad una rete metallica: persone che qui hanno vissuto, amato, sofferto talvolta per la loro intera esistenza. In alto sono riportate alcune frasi di Mario Tobino, guida narrante dell’intero percorso. Gli elementi e gli arredi raccontano l’atmosfera della vita al manicomio e ciò che i pazienti vedevano dentro e fuori le loro finestre. Al centro dello spazio sedie, una lettiga ortopedica, una poltrona odontoiatrica. E in sottofondo la riproduzione audiofonica dei racconti di chi ha vissuto il manicomio.

Info e visite (tutti i giovedì e venerdì previa prenotazione e l’ultimo fine settimana di ogni mese): www.fondazionemariotobino.it, 0583 327243.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi