Header ad
Header ad
Header ad

Lucca diventa centro europeo per la logistica urbana eco-sostenibile

Nasce a Lucca “Città Logica”, l’associazione internazionale per una logistica urbana eco-sostenibile per le piccole e medie città storiche

“Lucca capitale europea della logistica urbana. Questa è l’ambizione che abbiamo per la città di Lucca -sostiene l’assessore all’ambiente Giuseppe Pellegrini Masini– ovvero farla diventare un centro di eccellenza internazionale per una mobilità sostenibile delle merci che riduca al minimo l’impatto sull’ambiente della città e che crei conoscenze e professionalità sul territorio”.  La giunta comunale, infatti, ha approvato l’atto costitutivo di “Città Logica”l’associazione internazionale per una logistica urbana sostenibile per le piccole e medie città storiche. Si tratta di una vera e propria rivoluzione, che prevede lo sviluppo di tecnologie innovative e di attività volte a sviluppare l’utilizzo delle energie rinnovabili nell’ottica di un miglioramento della qualità della vita in città. L’associazione, il cui atto è stato firmato pochi giorni fa in giunta dagli assessori e dal sindaco Alessandro Tambellini, ha l’obiettivo di diffondere e confrontare i progetti a livello europeo. Diventerà un centro di formazione, informazione e sperimentazione permanente e il comune  di Lucca sarà l’ente capofila di questo ambizioso progetto, confermando così, ancora una volta, la vocazione a diventare punto di rifermento a livello europeo per quanto riguarda la logistica urbana ecologica. “Città Logica”, che ha sede presso Lucense, nell’area del Polo Tecnologico, sarà infatti presieduta da un rappresentante del comune di Lucca e si propone di aggregare, entro il 2014, almeno altre sessanta città europee con esperienza nella logistica urbana sostenibile o interessate ad avviare esperienze simili. L’obiettivo sembra facile da raggiungere, grazie anche all’attuale partecipazione del Comune di Lucca a reti e progetti comunitari sul tema della logistica urbana sostenibile (ad esempio ENCLOSE, www.enclose.eu): ad oggi, infatti, l’associazione ha già una raffica di proposte di adesione e almeno una trentina di altre città europee sono interessate a fare rete e a creare delle sinergie con Lucca. Ma non finisce qui. “Città Logica” intende aggregare anche quaranta soggetti tra imprese produttrici di veicoli ecologici, operatori del trasporto, produttori di soluzioni tecnologiche per l’ottimizzazione delle operazioni logistiche, utility, centri di competenza, organismi di ricerca  ed università.

Il trasporto ecologico
Quando si parla di trasporto merci il pensiero corre immediatamente ai Tir. Invece il 70 per cento dei traffici avviene su distanze inferiori ai 100 chilometri con conseguenze spesso sensibili in termini di inquinamento e vivibilità delle città. Da questa consapevolezza prende le mosse “Città Logica” che si occupa di mobilità delle merci, sospesa tra innovazione e rispetto per l’ambiente con la crisi che ha frenato negli ultimi anni scelte e iniziative strategiche a favore di un trasporto ecologico, e di un nuovo modo di pensare e disegnare le città. Soprattutto per quanto riguarda i piccoli e i medi centri storici: vero e proprio punto di forza dell’associazione, visto che la maggior parte degli studi e degli interventi in atto nel settore sono rivolti a macro grandezze.

Le prossime tappe
Non ci sono fini di lucro e l’oggetto principale dell’associazione è la promozione, la diffusione, lo scambio di buone pratiche, l’attività di studio, analisi, conoscenza, applicazione ed approfondimento della cultura, delle soluzioni e dei servizi di logistica urbana sostenibile. Ricerca, innovazione tecnologica e sviluppo di sistemi di trasporto pubblico e privato, infatti, devono diventare sempre più parte della cultura delle comunità, perché solo comprendendone a fondo l’impatto sul quotidiano sarà possibile raggiungere risultati fondamentali per una conversione ecologica dell’intera economia di settore. I passaggi successivi di “Città Logica” sono: promuovere l’esperienza Lucca Port, il nuovo centro ecologico di distribuzione merci avviato nel 2003; definire il piano dell’attività, realizzare a Lucca una conferenza annuale sui temi della logistica urbana sostenibile; realizzare un workshop annuale presso una delle organizzazioni associate; pubblicare newsletter semestrali sulle tematiche della green city logistics che promuova anche le attività sviluppate a Lucca. Tasselli fondamentali per arrivare alla definitiva strutturazione di “Città Logica” (e, di conseguenza, Lucca) come centro permanente e modello di riferimento a livello internazionale sulla logistica urbana eco-sostenibile

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi