Header ad
Header ad
Header ad

Nuove Tecnologie: il Comune di Lucca aderisce al Progetto PON TETRis

Strumenti e modelli innovativi per raggiungere il modello della Smart City

Attività di ricerca volte a costruire un modello di gestione unificato di Smart Environment e Smart City che valorizzi ed estenda le caratteristiche delle reti con servizi innovativi e open source. Questo l’obiettivo del progetto PON TETRis la cui adesione da parte del Comune di Lucca è stata approvata nella seduta di Giunta odierna.

TETRis – TETRa Innovative Services in Open Source è progetto di ricerca industriale finanziato nell’ambito del programma PON R&C 2007-2013 dal MIUR (con D.D. Del 7 ottobre 2011, n. 620/Ric., codice identificativo MIUR PON01_00451). Il Comune di Lucca parteciperà alla sperimentazione del progetto in collaborazione con TSC Consulting Srl e l’istituto IMT. L’azione è concentrata in particolar modo sul Mobile, nel contesto delle Smart Countries e Smart Cities basati su rete TETRA (TErrestrial Trunked RAdio). Tale standard di comunicazione radio per uso professionale è usato soprattutto dalle forze di pubblica sicurezza e militari e dai servizi di emergenza oltre che dai servizi privati civili. Il progetti mira all’utilizzo e l’estensione del sistema di comunicazione TETRA, garantendone l’integrazione con altre reti mobili commerciali, servizi ed applicazioni e puntando altresì alla realizzazione di ambienti e piattaforme che consentano la gestione delle risorse della rete, anche in tempo reale, attraverso l’immissione di opportuni dispositivi intelligenti e sensori.

Un progetto che guarda all’innovazione perché TETRis consentirà, attraverso la realizzazione dei suoi progetti, di arricchire le funzioni del sistema di comunicazione TETRA nell’ottica della realizzazione dell’Internet del futuro. Il progetto si configura nella definizione di uno scenario di sperimentazione di Servizi e Smart Object per l’ambiente e l’energia secondo i moderni paradigmi delle città intelligenti – Smart Cities e, in particolare, nella progettazione di applicazioni per smartphones che consentano rilevazioni territoriali, costruzione di mappe telematiche e attività di animazione, al fine di sensibilizzare e coinvolgere la cittadinanza nella lotta contro l’inquinamento atmosferico.

“E’ nostra intenzione – prosegue l’assessore Pellegrini Masini – sperimentare tecniche e soluzioni informatiche e telematiche innovative al fine di realizzare una Smart City, ovvero un nuovo modello di città, vista come sistema intelligente che ruoti intorno alle esigenze dei cittadini, al rispetto e dell’ambiente ed ad una gestionale ottimale delle risorse In particolare  la prima sperimentazione che ci accingiamo a realizzare riguarda l’uso dei telefoni cellulari, dotati di tecnologia smartphone, per monitorare le caratteristiche ed i mezzi utilizzati dai cittadini negli spostamenti. I cittadini che vorranno aderire in questo modo ci forniranno informazioni preziose riguardo al contributo dei loro viaggi alle emissioni di CO2 e di polveri sottili e si renderanno consapevoli del loro contributo all’inquinamento dell’aria. Successivamente, sempre attraverso gli smartphone, testeremo alcuni sensori integrati che ci forniranno informazioni sull’inquianmento da polveri permettendo la georeferenziazione del dato. Non è un caso che entrambi i progetti siano finalizzati ad accrescere la consapevolezza e la conoscenza del problema della qualità dell’aria e della mobilità. Sono questi temi su cui desideriamo impegnarci con forza per migliorare l’ambiente della nostra città”.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi