Header ad
Header ad
Header ad

Apertura stagionale dell’Oasi del Bottaccio

Si avvicina l’apertura stagionale dell’Oasi del Bottaccio. Realizzati interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Prosegue il progetto di riqualificazione dell’Oasi del Bottaccio a Castelvecchio di Compito. Un’area naturalistica situata nell’ex alveo del lago di Bientina, punto di eccellenza ambientale del territorio capannorese per la presenza di avifauna e di flora con specie molto rare e pregiate. Il paesaggio all’interno dell’area, che si estende per  circa 20 ettari,  si presenta ben diversificato con quattro differenti tipologie: la zona boscata, i prati umidi, i canneti ed i chiari, che concorrono a formare un  ambiente naturalistico variegato e di grande interesse.

Recentemente il WWF, grazie alla convenzione in atto con il Comune di Capannori, ha realizzato molti lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria e di miglioramento  dell’oasi al fine di preservarla e valorizzarla ulteriormente. Lavori importanti senza i quali l’area andrebbe presto in rovina  e non sarebbe più visitabile. In particolare, sono state ristrutturate le passerelle in legno che collegano i vari ambienti dell’area umida. Il lavoro più importante ha riguardato la pulizia di tutta l’area in seguito alla grande ondata di acqua e detriti che è arrivata nell’oasi del Bottaccio dopo la ‘bomba d’acqua’ dello scorso ottobre. Inoltre, per rendere più agevoli le visite dei cittadini e delle scolaresche, sono stati anche realizzati lavori di pulizia dai rovi e del sottobosco.
Tra poche settimane infatti, esattamente il 3 febbraio, l’area sarà aperta al pubblico la domenica con visite guidate. Fino al 24 marzo ci sarà una visita guidata al mattino alle ore 11.00, mentre dal giorno di Pasqua e fino alla seconda domenica di maggio le visite guidate saranno due: alle ore 11 e alle ore 14.30.
All’interno dell’oasi, la cui riqualificazione vede anche la collaborazione del Consorzio di Bonifica Auser-Bientina,  si trovano due capanni di osservazione al limite dei chiari d’acqua. Vi sono inoltre alcuni sentieri dotati di passerelle rialzate che collegano i vari ambienti dell’oasi; lungo il “percorso natura” sono allestiti pannelli didattici tematici che illustrano la flora e la fauna. Il Bottaccio è caratterizzato dalla presenza di un piccolo bosco planiziale costituito in prevalenza da farnia (Quercus robur) e ontano nero (Alnus glutinosa). Per quanto riguarda la fauna avendo un’elevata biodiversità l’area si connota come una vera e propria zona rifugio per la fauna. Al cinghiale e ai mustelidi, donnola e tasso, si accompagnano la volpe, l’istrice e numerosi roditori, tra cui il ghiro, l’arvicola e il moscardino. Importante la presenza di anfibi, quali la raganella, la rana agile, il tritone crestato.
L’oasi del Bottaccio, a causa delle zone circostanti ove è possibile la caccia, rimane per molti mesi chiusa al pubblico per permettere agli animali selvatici di trovare zone di rifugio.
Fonte Comune di Capannori

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi