Header ad
Header ad
Header ad

Inaugurata la mostra dedicata alla tarsia della Madonna dei Miracoli

Oggi, giovedì 15 novembre, nel loggiato di Palazzo Sani, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione della mostra “Tarsia Madonna dei Miracoli”, realizzata dai ragazzi delle classi IV e V del liceo artistico statale Don Lazzeri – Stagio Stagi di Pietrasanta, promossa da Confcommercio Lucca, finanziata dalla Banca di Credito Cooperativo di Pescia e coordinata da un gruppo di lavoro di appassionati devoti alla Madonna stessa.

Al taglio del nastro ci sono stati gli interventi di Ademaro Cordoni, presidente di Confcommercio; Franco Papini, presidente della Banca di Credito Cooperativo di Pescia; monsignor Agostino Banducci, parroco del centro storico; Fabrizio Mancassola, professore dell’istituto Don Lazzeri Stagi.

La sacra immagine ripropone l’originale pittura murale, andata perduta negli anni ‘90, con una sua rivisitazione in materiali pregiati e durevoli, tenendo in considerazione anche gli antichi arazzi di seta realizzati nel quartiere alle spalle dell’arco – antica Via dei Tintori -, che contribuirà alla valorizzazione della zona di Porta dei Borghi, dove originariamente, nel XV° secolo, è stata dipinta. La lavorazione della tarsia nei laboratori lapidei ha interessato, anche a livello progettuale, i ragazzi di numerose classi del liceo Don Lazzeri – Stagi.

La Madonna con Bambino, dipinta nel XV° secolo, nell’arco posto all’estremità settentrionale di via Fillungo, in seguito a numerosi eventi miracolosi, divenne oggetto della devozione popolare per diversi secoli da parte dei cittadini lucchesi e di tanti pellegrini provenienti in città alla stregua del Volto Santo, a tal punto che le autorità del tempo decisero di smurarla da Porta dei Borghi e di trasferirla nella chiesa di San Pietro Maggiore (abbattuta per dar luce a piazza Napoleone), prima, in San Paolino, poi, e in San Romano, infine, da dove è stata poi trafugata.

La copia ritenuta più fedele, un’opera seicentesca, fu anch’essa interessata da numerose manomissioni e traversie e, nel 2009, da un importante restauro finanziato dalla Banca di Credito Cooperativo di Pescia, attualmente esposta nella chiesa di San Giusto.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi