Header ad
Header ad
Header ad

Al via il “Francigena Melody Road”

La musica protagonista sulla via Francigena. Parte il 3 luglio il Festival Europeo con quattordici emozionanti concerti in luoghi suggestivi.

Prende il via oggi, martedì 3 Luglio, con il concerto all’Auditorium da Massa-Carrara€ di Porcari (LU) il Francigena Melody Road, festival europeo dedicato alla Via Francigena, con una serie di concerti mozzafiato eseguiti in alcuni dei luoghi più belli del celebre percorso toscano fra Altopascio e San Miniato.

Con la direzione artistica di Fabrizio Datteri, fino al 1° agosto andrà in scena un cartellone ricco di artisti di fama internazionale fra i quali: Giovanni Allevi, Roberto Cacciapaglia, Cristoph Hartmann, David Lefevre, Janos Acs, Francesco Facini, Marco Fornaciari, Stefano Pagliani, Francesco Manara, Simonide Braconi, Massimo Polidori, l’Orchestra della Toscana.
Quattordici date in sette località differenti che permetteranno di tenere insieme lo stupore per la grande musica con la bellezza dei luoghi. La musica, linguaggio capace di parlare alle culture e ai territori attraversati dalla Via Francigena, diventerà così straordinario elemento di amalgama e condivisione. Il Francigena Melody Road rappresenta quindi per gli amanti della musica un’occasione imperdibile per godere le note di rinomatissimi artisti in alcuni dei luoghi simbolo della Via Francigena, come l’ospitale di S. Jacopo di Altopascio e la località di Galleno, toccata da uno dei più bei selciati storici della Toscana. A San Miniato andrà invece in scena uno degli appuntamenti piÃù importanti del festival: il concerto di Giovanni Allevi.

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito ad eccezione dei concerti del 19 luglio e 25 luglio dell’Orchestra della Toscana e di Giovanni Allevi. Il programma completo delle serate è consultabile su: www.francigenamelodyroad.it

Il Francigena Melody Road è inserito all’interno della seconda edizione dell’European Festival 2012 Via Francigena Collective Project, programma di eventi e attività proposte e attuate dai territori, secondo le loro peculiarità culturali, religiose e artistiche, per la promozione del cammino lungo l’antica strada di pellegrinaggio.

In questo senso il programma dei concerti di Francigena Melody Road si
arricchisce anche di una sezione giovani che vedrà esibirsi tra il 6 luglio ed il 1° agosto i migliori allievi dei corsi tenuti da molti degli artisti chiamati ad esibirsi nel cartellone principale. I corsi si svolgeranno in Teatri, Auditorium e Scuole di vari Comuni Toscani lungo un tratto dell’antica Via Francigena, permettendo ai giovani ed alle giovani musiciste non solo di entrare in contatto con grandi professionisti, ma anche di farlo in un contesto particolarmente carico di storia e cultura.
Il festival è patrocinato dalla Regione Toscana, dalla Provincia di Pisa, dalla Provincia di Lucca e dai numerosi Comuni del territorio. La stessa Regione Toscana, in quanto socia di AEVF, è soggetto istituzionale protagonista del progetto, come ricorda Paolo Tognocchi, Consigliere regionale e Delegato della Regione Toscana nell’Associazione Europea delle Vie Francigene:  “La Regione Toscana, oltre al suo impegno per un itinerario sicuro e accessibile, partecipa con grande favore allo sviluppo di importanti progetti di animazione culturale organizzati lungo la Via Francigena. Con il Francigena Melody Road abbiamo pensato di portare la musica in alcuni dei territori più belli e nei luoghi più suggestivi del tragitto, regalando a San Miniato proprio la data più importante di un grande viaggio musicale durante il quale si potranno incontrare e conoscere le tante culture attraversate dalla Francigena.”

Il Francigena Melody Road è organizzato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), in collaborazione con l’Accademia della musica F. Geminiani di Altopascio (LU), e tocca, come detto, sette diverse località nei comuni di San Miniato (PI), Altopascio (LU), Porcari (LU), Santa Croce sull’Arno (PI) e Castelfranco di Sotto
(PI). La Francigena è la storica arteria di comunicazione del continente che congiunge l’Inghilterra con Roma ed è meta di una delle peregrinationes maiores insieme a Santiago di Compostela e Gerusalemme. La Francigena è una “via di culture”, come la definisce Jacques Le Goff, lungo la quale si è costruita l’Europa dei popoli, riconosciuta dal Consiglio d’Europa “Itinerario Culturale” (1994) e, successivamente, “Grande Itinerario Culturale” (2004). Il suo tracciato è stato fatto da chi l’ha percorso: sentieri, strade lente con luoghi di passaggio obbligati che delimitavano “aree strada” più vaste. Fasci di strade lungo le quali si è plasmata la comune identità europea, antichi luoghi di incontro per i cittadini dell’Europa moderna. Era l’anno 990 d.C., quando, durante il viaggio di ritorno da Roma alla sua sede episcopale, il vescovo Sigerico di Canterbury  submansiones de Roma usque ad mare, ossia le tappe che hanno scandito il suo incedere verso la natale Canterbury (la romana Durovernum).

Un cammino che, nella geografia moderna, solca sette regioni italiane “Lazio, Toscana, Emilia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta”due cantoni svizzeri “Vallese e Vaud” quattro regioni francesi “Franche-Comt, Champagne-Ardenne, Picardie e Nord-Pas-de-Calais. Oltre il canale della Manica, raggiunge Canterbury, nella contea del Kent. L’Associazione Europea delle Vie Francigene raggruppa oltre cento istituzioni territoriali (comuni, province e regioni) in 4 Paesi europei (Italia, Svizzera, Francia e Inghilterra). Dall’anno della sua fondazione nel 2001, l’AEVF ha consolidato ed ampliato il proprio partenariato istituzionale, svolgendo attività di supporto per i fruitori del cammino e per le Amministrazioni interessate, sviluppando progettualità mirate alla rilevazione del percorso, alla promozione e alla comunicazione del progetto.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi