Header ad
Header ad
Header ad

L’area di Massaciuccoli romana inserita nel progetto transfrontaliero

La Provincia di Lucca, in accordo con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Comune di Massarosa, ha individuato nell’area di “Massaciuccoli romana”, nel comune di Massarosa, il sito dove realizzare gli interventi di accessibilità fisica e culturale previsti nel Progetto Strategico transfrontaliero Accessit per la sezione “Archeologia” finanziato dal Programma operativo Italia Francia Marittimo.

A tale scopo, agli inizi di giugno è stata sottoscritta una convenzione tra la Provincia di Lucca, il Comune di Massarosa e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici e Etnoantropologici per le Province di Lucca e Massa Carrara) grazie alla quale la Provincia di Lucca, in qualità di partner responsabile del sottoprogetto “Archelogia”, ha potuto presentare il piano ai partner di Toscana, Liguria, Sardegna e Corsica.

Con i 172mila 325 euro del finanziamento si procederà all’integrazione del progetto di riqualificazione del complesso archeologico che si estende nell’area di Massaciuccoli con particolare attenzione all’accessibilità e alla fruizione dell’area della Villa dei Venulei. È previsto infatti il completamento del percorso di risalita e la dotazione delle strutture della villa di cartellonistica informativa.

«Ancora una volta – ha commentato il presidente della Provincia Stefano Baccelli – si conferma la professionalità degli uffici di Palazzo Ducale che da anni ormai si distinguono per la capacità di ottenere fondi e finanziamenti europei da investire nel settore della cultura. Di importanza strategica, inoltre, è anche la sinergia con gli enti locali la cui collaborazione è fondamentale per poter realizzare progetti di questo calibro».

Gli scavi della zona sono articolati nelle strutture di una mansio (già scavata nel 1932) sulle quali nel 2007 è stato realizzato un nuovo padiglione, intitolato a Guglielmo Lera, e in quelle relative allo stesso edificio che stanno emergendo nello scavo archeologico nell’area della ex scuola elementare.

La Villa dei Venulei sorge a monte di questa zona ed è collegata all’altro sito da un primo tratto del percorso attrezzato collinare.

«Massaciuccoli – continua Baccelli – non si distingue solo per i suoi preziosi resti archeologici: in questa piccola frazione del Comune di Massarosa, infatti, si fondono storia, cultura e paesaggio naturalistico che ne fanno un unicum in Toscana.

Oggi è questa sua peculiarità ad attrarre l’attenzione della Pubblica Amministrazione e con essa i finanziamenti europei di “Accessit” con i quali s’intende rendere fruibile ed al contempo tutelato un simile patrimonio».

L’intervento “Accessit” procederà, inoltre, con un primo intervento di consolidamento delle strutture murarie della Villa dei Venulei secondo i criteri indicati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici, per adeguarne le condizioni di sicurezza nel rispetto delle esigenze di tutela e conservazione e delle peculiarità paesaggistiche.

Obiettivo generale del Progetto Strategico transfrontaliero ACCESSIT è la strutturazione di un grande itinerario per la valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale dello spazio dell’Alto Tirreno, tra le regioni di Corsica, Toscana, Liguria e Sardegna grazie all’organizzazione di un sistema di gestione che si concentrerà sulla sostenibilità, sulla creazione di una rete di laboratori, sullo sviluppo di interventi per la conservazione e sull’accessibilità di un certo numero di beni patrimoniali.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi