Header ad
Header ad
Header ad

“CAPANNORI AT WORK”: IL FESTIVAL DEL LAVORO

Dal 28 aprile al Primo Maggio a Capannori

“CAPANNORI AT WORK”: IL FESTIVAL DEL LAVORO 

Esperienze lavorative, dibattiti, musica e concerto gratuito di Bersani

Quattro giorni all’insegna della libertà d’espressione delle lavoratrici e dei lavoratori, attraverso testimonianze dirette, musica e dibattiti.

E’ questa la prima edizione del festival del lavoro realizzato dall’amministrazione Del Ghingaro, intitolato “Capannori at work”, per festeggiare il Primo Maggio e creare un ponte fra chi cerca occupazione e il sistema imprenditoriale locale.

Il primo cittadino capannorese, infatti, precisa che la politica di Capannori, anche in questo ambito, sarà una politica concreta. E’ allo studio la creazione di un fondo ad hoc con cui costruire una specie di “borsa lavoro” da assegnare, tramite bando, a disoccupati, persone espulse dal mondo del lavoro e giovani in cerca di occupazione, in modo che la portino in dote all’impresa che deciderà di dare loro un’opportunità lavorativa.

Da sabato 28 aprile fino a martedì primo maggio, Capannori sarà teatro di numerose iniziative, il cui filo conduttore è la questione del lavoro nel quadro socio economico attuale, che termineranno con il concerto gratuito in piazza Aldo Moro di Samuele Bersani, previsto, come di consueto, il primo maggio, alle 18. La direzione artistica di “Capannori at work” è di Fabrizio Diolaiuti.

Presenti alla conferenza stampa di lancio della manifestazione sono: il sindaco Giorgio Del Ghingaro, l’ideatore e direttore artistico dell’iniziativa Fabrizio Diolaiuti, l’attrice Anna Meacci, il giornalista Gabriele Mori, i consiglieri comunali Mauro Massei e Alberto Paradisi.

“Quest’anno abbiamo deciso di unire alla musica anche momenti di riflessione – spiega Del Ghingaro – perché il cambiamento che sta interessando il mondo del lavoro deve essere oggetto di un confronto serio, approfondito e partecipato. Il lavoro, infatti, rappresenta un diritto fondamentale del nostro Paese e come tale va affrontato. Oggi più che mai, di fronte alla delicata congiuntura economica che stiamo vivendo, è necessario l’impegno di tutti per cercare soluzioni e strategie che valorizzino le risorse umane, intellettuali e creative presenti sul territorio, nonché il comparto produttivo. Per questo, invito le lavoratrici, i lavoratori, le parti sociali e gli imprenditori a partecipare numerosi a questa manifestazione. Sarà un’occasione di incontro e di confronto importante. Inoltre, siamo consapevoli che per rilanciare l’economia locale è sempre più indispensabile fare sistema, unendo capacità, professionalità e risorse. Da qui l’idea di realizzare una riflessione ampia e partecipata sul lavoro, dove le persone possano raccontare la propria storia, evidenziare le difficoltà, ma anche offrirci testimonianze di un tessuto sociale creativo, e spunti concreti per disegnare orizzonti di speranza. Oltre a festeggiare il Primo Maggio, quindi, a Capannori proviamo a fare qualcosa di concreto per i nostri lavoratori”.

Programma.

Sabato 28 aprile (Artè):

Ore 17: “Lavoro che viene e lavoro che va”

: Talk show condotto dal giornalista Alberto Severi di Rai 3. Attraverso testimonianze dirette, si parlerà dei mestieri in via d’estinzione, di quelli nuovi e di quelli di successo. Ospiti di spicco: l’attore Andrea Buscemi, Beppe Bigazzi, Ciro Vestita, fitoterapeuta e consulente Rai che ha una rubrica nella trasmissione “Linea Verde”.

Ore 20.30: Forum dedicato alla cooperazione. Parteciperanno importanti esponenti del settore,  per una riflessione collettiva sul lavoro e sull’occupazione.

Ore 21.30: Proiezione del film “Si può fare” di Giulio Manfredonia (2008), ispirato alle storie vere delle cooperative sociali nate negli anni Ottanta per dare lavoro alle persone uscite dai manicomi, in seguito alla legge Basaglia.

Domenica 29 aprile, (piazza Aldo Moro):

Ore 16: “Libertà d’espressione”:

Parola a precari, liberi professionisti, disoccupati, imprenditori, cassa integrati, commercianti, artigiani, agricoltori.

In piazza anche il “muro dei lavoratori”: uno spazio di carta in cui tutti coloro che lo desiderano potranno lasciare, nero su bianco, un pensiero, una testimonianza, una riflessione che poi sarà letta prima del concerto del Primo Maggio.

Conduce Fabrizio Diolaiuti.

Ore 21.30, Artè:  Tango y mas:

Spettacolo di solidarietà, a cura dell’associazione culturale Musica Amica.

Lunedì 30 aprile, (Artè):

Ore 9.30: “Il giornalismo che (non) c’è. Senza lavoro nessuna informazione”:

Un momento di confronto sulla crisi occupazionale del giornalismo e sul futuro dell’informazione e della libertà di stampa. Conducono i giornalisti Susanna Bonfanti e Gabriele Mori

Ore 18 , piazza Aldo Moro: “Aspettando il Primo Maggio”:

Esibizione delle sei band del progetto “Musica a tasso 0” che sono arrivate alla finalissima. Seguirà la premiazione delle prime tre classificate.

Conduce Fabrizio Diolaiuti.

Ore 22: Concerto dei Gatti Mezzi.

Martedì Primo Maggio:

Ore 11.30: Inaugurazione del Polo Culturale “Artemisia”, Tassignano:

Taglio del nastro e consegna alla comunità di una struttura storica per il territorio. All’evento saranno presenti il sindaco Giorgio Del Ghingaro e la giunta.

Ore 16, piazza Aldo Moro: “Libertà d’espressione in piazza”:

L’attrice Anna Meacci leggerà i messaggi scritti più significativi raccolti durante la manifestazione, attraverso facebook o via email, per dare ancora una volta voce ai lavoratori.

Ore 18: Concerto di Samuele Bersani.

Per informazioni e iscrizioni a parlare:

www.comune.capannori.lu.it

http://www.facebook.com/Capannori.at.work.labor.festival

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi