Header ad
Header ad
Header ad

Ugo Nespolo sabato a Lucca per presentare la sua mostra

L’enfant terrible dell’arte contemporanea si prepara a “nespolizzare Lucca”. Questo sabato (21 aprile) sarà Ugo Nespolo ad aprire la mostra sui trent’anni della sua produzione.Dal 21 aprile al 20 maggio 18 opere in mostra alla Fondazione Banca del  Monte di Lucca. Ingresso Libero.

L’enfant terrible dell’arte contemporanea si prepara a “nespolizzare Lucca”. Sarà Ugo Nespolo in persona, portabandiera della Pop art Italiana, questo sabato (21 aprile) alle 18 a Lucca ad inaugurareElogio del Bello“, la mostra sui trent’anni della sua ricca produzione artistica che la Fondazione Banca del Monte di Lucca, nelle sale espositive del palazzo al numero 7 di piazza San Martino (centro storico), offre a tutti gli appassionati dell’arte fino al 20 maggio.

Pittore e scultore di fama internazionale, artista poliedrico, designer, illustratore, bibliofilo, Ugo Nespolo è uno dei maestri dell’arte contemporanea mondiale. Estremamente vitale anche il suo rapporto con il Cinema che lo ha portato nell’ottobre 2011 a diventare presidente del Museo Nazionale del Cinema di Torino, istituzione di eccellenza apprezzata a livello internazionale che ha sede all’interno della Mole Antonelliana. Dopo che Man Ray, durante un incontro a Parigi, gli consigliò di “usare la cinepresa come un pennello”, sono molti i progetti di Nespolo nella settima arte: è della fine degli anni Sessanta l’esperienza del “Cinema degli Artisti”, esperimento di contaminazione tra le arti ispirato al New American Cinema, realizzato con Mario Schifano; protagonisti dei suoi film sono stati tra gli altri gli amici Lucio Fontana, Mario Merz, Michelangelo Pistoletto, Alighiero Boetti ed Enrico Baj. Con quest’ultimo, all’inizio degli anni Settanta, ha fondato a Milano anche il “Premiato studio d’arte Baj & Nespolo”. Porta inoltre la sua firma il “Progetto Italia“, filmato prodotto da Cinecittà di cui è testimonial l’attore Giancarlo Giannini.

La sua arte sfaccettata e caleidoscopica da oltre quarant’anni asseconda l’esigenza di espressione di un artista eclettico, che si manifesta in diversi ambiti: l’Alitalia inaugurò la nuova sede di New York con una sua personale e la Campari ha festeggiato i suoi 150 anni con un grandioso allestimento dell’artista nella stazione centrale di Milano. Mai legata in maniera assoluta a un solo filone, la sua produzione si caratterizzò subito per un’accentuata impronta ironica, trasgressiva, per un personale senso del divertimento che rappresenta sempre una sorta di carattere distintivo. Ha sempre condotto una fervida attività espositiva, sempre nell’intenzione di sottolineare i rapporti arte-gioco, cimentandosi nei settori più disparati grazie al suo stile unico e inconfondibile. L’esposizione lucchese propone una selezione di 18 opere (acrilici su legno, serigrafie e tecniche miste su carta) selezionate per l’appuntamento lucchese, rappresentative del percorso creativo, dalla metà degli anni Settanta ad oggi, di uno degli artisti più attivi ed eclettici dell’arte contemporanea, in cui regna incontrastato il colore, vero veicolo della fantasia.

“Ugo Nespolo è una delle figure più eclettiche del panorama artistico contemporaneo – spiegano il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca Alberto Del Carlo ed il Consigliere d’Amministrazione e Coordinatore del Comitato Settore Eventi Pietro Roni . L’incontro con la Fondazione Banca del Monte di Lucca ed Ugo Nespolo, conseguenza delle accurate costanti indagini di Marco Palamidessi e del Comitato per gli eventi, rappresenta una tappa importante nel progetto di approfondimento e diffusione dell’arte contemporanea: un approdo felice, dove adagiarsi negli “ozi” del Bello, continuare a discorrere sull’Arte, pronti a cogliere il buon vento per nuove navigazioni. Fortunata la città di Lucca che apre le porte ad un artista – universale – capace di apprezzarne le bellezze, anche quelle più recondite, e di farne (chissà) ispirazione per future realizzazioni; fortunato l’artista che trova a Lucca una comunità da secoli preparata a gustare il Bello e quindi anche la bellezza della sue opere, e il profilo inimitabile di esse”.

Il taglio del nastro della mostra si terrà sabato 21 aprile alle 18.

La mostra resta aperta a ingresso libero fino al 20 maggio, con il seguente orario: dal lunedì al venerdì 15,30-19,30; sabato e domenica 10-13, 15,30-19,30. Per maggiori informazioni: www.fondazionebmluccaeventi.it, info@fondazionebmluccaeventi.it, +39.0583.08.22.10.

Laboratori d’arte contemporanea per bambini Ugo Nespolo è anche illustratore di libri per ragazzi: suoi i disegni “psichedelici” di “Una zebra a pois” di Lelio Luttazzi (Gallucci Editore). L’arte di Nespolo, per la sua alta qualità e insieme per la presenza di numerosi piani di lettura, da quello più semplice ed immediato a quello più complesso, si presta in modo eccezionale per essere apprezzata anche dai più piccoli. Per questo, ogni giovedì alle 17 per tutta la durata dell’esposizione, all’interno della mostra si terranno dei laboratori aperti gratuitamente a tutti i bambini che, prendendo spunto dalle opere esposte, daranno l’opportunità di creare elaborati artistici attraverso un importante approccio ludico al favoloso mondo dell’arte. Le scuole possono partecipare a laboratori straordinari in orario mattutino, previa prenotazione (tel. 0583.08.22.10, e-mail info@fondazionebmluccaeventi.it).

Ugo Nespolo – Nota biografica

Ugo Nespolo si è diplomato all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino ed è laureato in Lettere Moderne. L’esordio nel panorama artistico italiano risale agli anni Sessanta, alla Pop Art, ai futuri concettuali e poveristi. La sua produzione si caratterizza subito per un’accentuata impronta ironica, trasgressiva, per un personale senso del divertimento che rappresenterà sempre una sorta di marchio di fabbrica. Negli anni Settanta Nespolo si appropria di un secondo mezzo di espressione, il cinema: in particolare quello sperimentale, d’artista. Gli attori sono artisti amici, da Lucio Fontana a Enrico Baj a Michelangelo Pistoletto. Sono anni che rappresentano per Nespolo un passaggio fondamentale: vince il Premio Bolaffi (1974), realizza Il Museo (1975-’76), opera di dieci metri di lunghezza che segna l’inizio di una vena mai esaurita di rilettura-scomposizione-reinvenzione dell’arte altrui. Numerose, negli anni, le mostre personali di rilievo, tra cui ricordiamo quelle alla Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto ed alla XVII Biennale di Arte Contemporanea a cura del Comune di Alatri. Intenso il programma degli ultimi anni: l’Alitalia inaugura la nuova sede di New York con una sua personale; una mostra itinerante nei Paesi dell’Est: dalla Galleria d’Arte Moderna di Mosca, all’Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo e Minsk (Museo Nazionale d’Arte Moderna) per proseguire poi in Lettonia (Riga, Galleria d’Arte Moderna) e poi ancora a Vilnius, Lituania, al Ciurlionis National Museum of Art e a Canton, Cina, al Guang Dong Museum of Art di Guangzhou. Un’ideazione artistica di rilievo internazionale con “Progetto Italiana”, filmato prodotto da Cinecittà con Giancarlo Giannini come protagonista. Alla Basilica di San Francesco ad Assisi per la cerimonia di Natale installa un volo di bianche colombe e per il 53° Festival Puccini progetta e realizza le scenografie e i costumi della Madama Butterfly nonché un filmato artistico sull’opera. La Campari festeggia i suoi 150 anni di attività con l’arte di Ugo Nespolo alla Stazione Centrale di Milano. Il Comune di Pontedera affida all’artista il “Cantiere Nespolo”, progetto di interventi effimeri ed opere permanenti in loco. Realizza Il Numero d’Oro (Utet – De Agostini), libro d’artista in 425 esemplari dedicato al tema della proporzione aurea; viene allestita una mostra al Museo Poldi Pezzoli di Milano, che ottiene notevoli consensi di stampa e critica d’arte. La Mostra personale La bella intolerancia Museo Nacional de Bellas Artes de La Habana, Cuba. Dall’ottobre 2011 Nespolo è il nuovo Presidente del Museo Nazionale del Cinema di Torino, istituzione d’eccellenza a livello internazionale. La sua elezione è avvenuta all’unanimità da parte del Collegio dei Fondatori del Museo e dei Rappresentanti degli Enti preposti.

Le sue prossime mostre sono in programma a Mumbai (Bombay), India; Dubai, Emirati Arabi; Giacarta, Indonesia; Roma (Palazzo delle Esposizioni); Milano (Palazzo Reale); Torino (GAM, Galleria d’Arte Moderna).

Nespolo e la Toscana

Nespolo è molto legato alla Toscana: nel 2009 è stato il primo artista contemporaneo ad esporre al Museo Nazionale del Bargello di Firenze. Già autore del “Pegaso”, la scultura in bronzo donata alla senatrice colombiana Ingrid Betancourt dall’allora presidente della Regione Claudio Martini, è sua anche la scultura con cui il presidente del Consiglio regionale Riccardo Nencini rese omaggio al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nonché il drappellone del Palio di Siena del 2007. Portano la sua firma il manifesto dell’edizione 2010 del Festival EuropaCinema di Viareggio e le scenografie e i costumi della Madama Butterfly per il teatro all’aperto di Torre del Lago. È, infine, a lui che il Comune di Pontedera ha affidato la prossima, importante opera di riqualificazione urbana denominata “Laboratorio senza segreti”, nell’ambito della quale l’artista torinese sarà chiamato a rifare il look alla Città della Vespa.

La Fondazione Banca del Monte di Lucca per l’arte “Elogio del Bello” si inserisce in un calendario ricco di esposizioni artistiche di rilievo che la Fondazione BML offre alla città nel corso del 2012.

A giugno ci sarà un altro nome di punta della programmazione: Luca Alinari esporrà dal 9 al 24; a luglio ci sarà la giovanissima pittrice lucchese Elisa Pasquini, dall’8 al 22. A settembre, dall’1 al 30, sarà la volta della mostra delle opere del livornese Francesco Fanelli, mentre dal 6 al 21 ottobre ad esporre sarà Daniela Giovannetti. A chiudere il calendario saranno Alessandro Tofanelli, tra i maggiori esponenti del paesaggismo metafisico contemporaneo e artista di fama internazionale, che esporrà dal 28 ottobre all’11 novembre, e i fotografi dell’EPEA – European Photography Exhibition Award (25 novembre 2012 – 6 gennaio 2013) con l’importante mostra fotografica itinerante che coinvolge Italia, Norvegia, Portogallo e Germania e di cui la Fondazione BML è tra gli enti promotori.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi