Header ad
Header ad
Header ad

La cura – 2012

Secondo Giddens la modernità ha prodotto uno svincolamento della realtà sociale dal tempo e dallo spazio: lo spazio sociale, infatti, non è più definito dai confini spaziali e temporali entro i quali uno si muove. Ad aver prodotto questa possibilità sono i sistemi esperti (ossia l’insieme di tecnologie che permettono le nostre azioni) che via via si sono svincolate dal tempo, dallo spazio e dal controllo del singolo, al quale non resta che fidarsi di essi.

Proprio la necessità di fidarsi, derivante dalla mancanza di un reale controllo, genera insicurezza, contro la quale Giddens propone la riscoperta di una fiducia ontologica e di una modernità riflessiva (quest’ultimo concetto si sviluppa dalle sue considerazioni ermeneutiche della strutturazione: l’atto stesso di conoscenza è una pratica che circolando nella realtà sociale agisce su di essa e la trasforma, divenendo struttura e nuova possibilità di formulazione. Le scienze sociali riflettendo sulla modernità, interagiscono con esse e contribuiscono a formarla).

In breve, il modello sociale europeo – il suo sistema di welfare e di protezione sociale – considerato da molti il fiore all’occhiello del Vecchio Continente, è entrato in grave sofferenza in molti Stati dell’Unione. La sua riforma è una questione urgente insieme alla necessità di riavviare la crescita economica. I paesi europei che hanno registrato i risultati peggiori hanno molto da imparare da quegli Stati che hanno saputo gestire in modo più efficace le nuove sfide. Di fronte all’impatto della globalizzazione, bisogna affrontare cambiamenti radicali: la trasformazione dello stile di vita deve entrare a pieno titolo nella definizione di welfare e le problematiche ambientali devono essere messe in rapporto diretto con gli altri doveri del cittadino.

Alex Langer affrontando il tema della conversione ecologica, rimanda sia alla dimensione personale e soggettiva (quella dello stile di vita, dei modelli di consumo, dell’impegno personale) delle trasformazioni proposte, sia alla loro dimensione oggettiva e sociale (quella dei nuovi prodotti, dei nuovi rapporti di mercato, della nuova organizzazione del lavoro)

La conversione ecologica comporta l’adozione di stili di vita e modelli di consumo fondati sulla sobrietà, che non significa miseria, né povertà, né sacrificio, bensì uso e ridistribuzione più equa delle risorse tanto in campo sociale (tra le diverse classi) quanto a livello geografico globale (tra le diverse aree geografiche). Ma significa anche un quadro di sostenibilità imposto dai limiti fisici e biologici del pianeta in cui viviamo, salvaguardando, potenziando e qualificando l’occupazione e valorizzando la dotazione di tecnologia, di impianti e di conoscenze dell’apparato industriale e produttivo. Riferimenti obbligati della conversione ecologica sono i territori (aree vaste, città o loro hinterland, ovvero ambiti regionali e subregionali) e i loro abitanti, dato che il percorso di trasformazione tende a ricostituire legami sociali che non siano fondati esclusivamente sul mercato, bensì governati attraverso la ricostruzione di un controllo condiviso sui processi economici sociali.

Non tutto ovviamente può essere o deve essere “territorializzato” non lo devono essere saperi, conoscenze, e creatività, che vanno liberalizzati e diffusi al massimo grado anche grazie alle opportunità offerte dalla rete, che consente una circolazione dell’informazione (bit) in tempo reale. Si dovrà usare invece come criterio generale di orientamento quello di avvicinare quanto più possibile la produzione di beni fisici ai luoghi del loro uso o del loro consumo (di qui il concetto del km zero): per restituire alle comunità e, attraverso esse, a chi produce, un maggior grado di controllo sulla qualità e il destino dei prodotti; e a chi li usa o consuma la possibilità di incidere, attraverso procedimenti condivisi, sulla qualità dei beni a cui si accede.

Ma perché nasca una cultura di cittadini consapevoli, articolata e diffusa sul territorio, in grado di valorizzarne le risorse naturali, storiche e umane, disposta ad accettare e a trarre vantaggio dagli inevitabili conflitti, è necessario innanzitutto creare delle sedi, aprire degli “spazi pubblici” dove possa svilupparsi un confronto diretto tra le diverse persone e posizioni in gioco.

Conferenze:

-La trasformazione globale

Marinella Correggia – Giornalista
Saggezze di tutto il mondo unitevi
Coordina: Valerio Bonetti – Cooperativa Sociale Odissea
Mercoledì 11 gennaio ore 21.15

Aldo Zanchetta e Francesco Amendola
Aldo Zanchetta con Francesco Amendola: dialogo su altri mondi esistenti
Coordina: Giulio Sensi – Fondazione Volontariato e Partecipazione
Mercoledì 25 gennaio ore 21.15

Manuel Rozental – Chirurgo colombiano e militante sociale
Noialtri non possiamo essere come gli altri
Coordina: Aldo Zanchetta – Fondazione Neno Zanchetta
Mercoledì 15 febbraio ore 21.15

-La trasformazione interiore

Chiara Ferroni – Psicoterapeuta
La vita nascosta del cervello: conoscere ed utilizzare la forza trasformativa dei nostri stati mentali
Coordina: Elisa Galli – Comune di Capannori
Mercoledì 29 febbraio ore 21.15

Guidalberto Bormolini – Monaco e sacerdote
Il grande pellegrinaggio. Un itinerario interiore alla ricerca dei luoghi della coscienza
Coordina: Chiara Ferroni
Mercoledì 07 marzo ore 21.15

Machig Rimpoche – Lama Tibetano
Felicità e pace: trasformare la mente con la meditazione
Coordina: Roberto Rustici – Natyayoga
Mercoledì 14 marzo ore 21.15

Marcello Brunini – Sacerdote
Per una spiritualità della transizione
Coordina: Elisabetta Luporini – Comune di Capannori
Mercoledì 21 marzo ore 21.15

Fabio Santori – Contadino
Autonomia e relazioni. Appunti per nuovi mondi
Coordina: Aldo Zanchetta – Fondazione Neno Zanchetta
Mercoledì 11 aprile ore 21.15

Gabriella Mauri – Psicologa
Dal consumare al vivere la relazione – conferenza interattiva
Coordina: Elisa Pierallini – Cooperativa Il Castello
Mercoledì 18 aprile ore 21.15

Massimo Toschi – Consigliere del Presidente della Regione Toscana per la cooperazione internazionale e la difesa dei diritti delle persone disabili
Trasfigurazione, parola antica e nuova
Coordina: Gabriele Bove – Assessore alle Politiche Sociali e Giovanili Comune di Capannori
Mercoledì 2 maggio ore 21.15

Paolo Quattrini – Psicoterapeuta
Trasformazione: cioè l’andare al di là della forma. Le molteplici metafore della vita
Coordina: Emanuele Perelli – IGL Arcobaleno
Mercoledì 9 maggio ore 21.15

-La trasformazione dei luoghi della salute

Elisa Pierallini – Psicoterapeuta e floriterapeuta
Tornare alla terra per poi ripartire: emozioni a colori con i fiori di Bach
Coordina: Ciro Treppiedi – Cooperativa Odissea
Mercoledì 1 febbraio ore 21.15

Empatheatre – La compagnia dei salvastorie
Solstizio d’autunno: la trasformazione – spettacolo teatrale interattivo
Venerdì 21 settembre ore 21.15

Sujata Tommasi Kenjale – Medico ayurveda
L’armonia nella stile di vita: medicina e filosofia Ayurveda
Coordina: Amalia Baroni – Associazione Sahja Yoga
Mercoledì 3 ottobre ore 21.15

Lucia Corrieri Puliti – Responsabile Educazione alla Salute USL2 Lucca
Etica della responsabilità e promozione della salute
Coordina: Fiorella Battistini – Comune di Capannori
Mercoledì 17 ottobre ore 21.15

Antonio Miranda – Iridologo sacerdote
Codici e matrici dei tempi terapeutici delle erbe
Coordina: Michela Menchini – IGL Arcobaleno
Mercoledì 24 ottobre ore 21.15

Emanuele Perelli – Psicologo
Il contatto con l’altro come luogo di cura.
Coordina: Lodredana Giannini – Comune di Capannori
Mercoledì 31 ottobre ore 21.15

Associazione Asclepeion – conoscere curare
Dove nasce la salute 2012: armonia degli elementi del cosmo e del corpo
Convegno
Sabato 17 novembre dalle ore 10.00 alle 22.00

-Laboratori:

Per i laboratori è obbligatoria l’iscrizione ed è prevista una quota di partecipazione

Elisa Pierallini – Psicoterapeuta e floriterapeuta
Tornare alla terra per poi ripartire fiori di Bach: emozioni a colori
Ciclo di incontri per conoscersi e scoprirsi attraverso i fiori.
Giovedì 9, 16, 23 febbraio ore 21.00-23.00

Paola Borrelli – Naturopata
Riflessi di vita
Come applicare la riflessologia del piede e della mano per il benessere di tutti i giorni.
Sabato 18 febbraio, 3, 17 e 31 marzo ore 15.00-18.00

Chiara Ferroni – Psicoterapeuta
La vita nascosta del cervello
Un percorso per conoscere ed utilizzare la forza trasformativa dei nostri stati mentali.
Lunedì 5, 12, 19, 26 marzo ore 21.00-23.00

Empatheatre – La compagnia dei salvastorie
La salute attraverso la spontaneità e la fiducia
Laboratorio di Teatro Sociale e Playback Theatre per conoscersi e star bene mettendosi in gioco.
Lunedì 8, 15, 22, 29 ottobre ore 18.30-20.30

Daniela Iurilli – Naturopata
Trasformare l’umore, i pensieri e lo stress attraverso l’uso sapiente del cibo
Laboratorio di formazione e pratica di scelte alimentari finalizzate al benessere mentale.
Martedì 9, 16, 23 ottobre ore 21.00-23.00

Emanuele Perelli – Psicologo
Il contatto con l’altro come luogo di cura.
Esperienze nel massaggio per un contatto familiare
Mercoledì 7, 14, 21 novembre 2012 ore 21.00 – 23.00

Per informazioni ed iscrizioni:

Ufficio Promozione Sociale
Tel. 0583-428409
Fax 0583-428426
e-mail: e.galli@comune.capannori.lu.it

www.comune.capannori.lu.it/node/10029

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi