Header ad
Header ad
Header ad

Sei un viaggiatore? Dai retta, fatti l’assicurazione!

Gli italiani sono dei grandi viaggiatori ed anche se la crisi ha colpito profondamente la nostra società, il desiderio nel cassetto, per molti di noi, resta ancora un viaggio, magari all’estero.
Quella che vi vado a raccontare è una triste storia, una di quelle che eviteresti volentiri di scrivere.

Inizio col darvi un consiglio: se siete dei viaggiatori e vi recate spesso all’estero fatevi un assicurazione!

Con questa breve introduzione e sperando che mai niente vi possa accadere quando siete in giro per il Mondo vi riporto quanto capitato ad un nostro connazionale in vacanza nel sud della Thailandia, a Puket.

Lui si chiama Alessandro ha 27 anni ed è nato ad Olbia. Insieme a quattro amici si è recato a Phuket per trascorrere le festività di Natale e Capodanno. Alessandro, una volta arrivato a destinazione, ha deciso di noleggiare presso il proprio albergo uno scooter per girare l’isola in tutta libertà. Sfortunatamente Alessandro è sbandato ed è finito contro un guard rail riportando l’anputazione del piede…

I soccorsi sono arrivati subito ma quando Alessandro è arrivato in Ospedale non è stato subito curato per potergli riattaccare il piede perche non aveva delle “garanzie economiche” per sostenere il costo dell’operazione (4000 euro) ed era sprovvisto di Assicurazione Medica.

Gli amici di Alessandro informano subito la famiglia in Sardegna (sono le tre del mattino in Italia): “Alessandro ha subito un incidente stradale e si trova in ospedale, i medici non accettano di operarlo fino a quando non verrà versato almeno un anticipo per l’operazione.”

La madre di Alessandro, disperata, si attiva immediatamente e riesce a mettersi in contatto con il Console Onorario di Phuket.
Nel frattempo, in Ospedale a Puket, il piede di Alessandro viene messo nella cella frigorifera…
Fortunatamente il Console, recatosi in Ospedale, dopo diverse ore di trattativa è riuscito a convicere i medici ad operare il ragazzo.

L’operazione per riattaccare il piede è stata eseguita, ma sono passate parecchie ore dall’incidente e come spiega la madre in una dichiarazione rilasciata ai giornali, ci potrebbero essere problemi legati a un inizio di necrosi dell’osso alla caviglia e che sicuramente si dovrà intervenire nuovamente per cercare di scongiurare il peggio.

Come se non bastasse, ci sarà il conto di 1600 euro da pagare per lo scooter danneggiato preso a noleggio da Alessandro e ovviamente ci saranno da pagare i giorni di degenza che dalle dichiarazioni della madre dovrebbero ammontare a 20 mila euro!!!

Mi auguro vivamente che per Alessandro e la sua famiglia torni presto il sereno, che tutto vada per il meglio, ma voglio anche lanciare un monito a tutti i nostri cari lettori.
Intanto è giusto precisare che la struttura dove è stato trasportato ed operato Alessandro (il Bangkok Hospital di Phuket) è una clinica privata altamente specializzata e con dottori veramente preparati, ma come tutte le cliniche private nel resto del mondo non si prenderà mai la briga di curare gratis nessuno, nemmeno in Italia. Credete, non esistono eccezioni!!!!
In bocca al lupo ad Alessandro !!!

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi