Header ad
Header ad
Header ad

Must, sabato 22 ottobre l’inaugurazione

Apre sabato 22 il Must (acronimo che sta per Memoria Urbana Storia e Territorio), vero Museo della Città di Lucca, ambientato nei prestigiosi saloni di Palazzo Guinigi, situato nel cuore del centro storico con ingresso da via Guinigi.

Ad annunciare l’aperture della nuova struttura il sindaco di Lucca Mauro Favilla, insieme a Giorgio Marchetti che ha coordinato il progetto, Angelo Nencetti che ha seguito la sua realizzazione per conto del Comune, Mauro Fenili responsabile tecnico Luncense e Rubino Saccoccio della Mita srl.

“La città – spiega il sindaco Mauro Favilla – arricchisce la sua offerta culturale dotandosi di uno splendido polo espositivo: un grande contenitore culturale, che  oltre a presentare  la storia dell’evoluzione della città, permetterà la visione delle eccellenze culturali presenti sul suo territorio, attraverso grandi mostre ed eventi espositivi di livello nazionale. Si presenterà la memoria storica della città ma si farà vedere anche cosa offre, culturalmente oggi, così che i visitatori possano uscire e andare a vedere personalmente le sue bellezze e a vivere i suoi eventi. Più avanti, quindi, la visita al Must di Palazzo Guinigi diventerà anche l’accesso alla torre Guinigi. Voglio ringraziare tutti coloro che ci hanno lavorato, a partire da Donatella Buonriposi e dal gruppo di lavoro, perché per giungere alla realizzazione di questa importante realtà cittadina ci sono voluti diversi anni”.

Grazie l’incessante lavoro posto in essere da molti,  un’attenta e laboriosa opera di restauro conservativo e strutturale, avviata negli anni passati e conclusa con l’amministrazione Favilla del palazzo si inaugura adesso questo nuovo centro culturale.

Il nuovo polo espositivo potrà contare su saloni di ampie dimensioni, in gran parte restaurati o appositamente lasciati al suo originario stato, che trovano ubicazione sui tre piani del Palazzo.

Come è il Museo – “Il Must – ha spiegato Giorgio Marchetti – è un museo moderno che risponde all’esigenza di offrire a un vasto pubblico immagini e testimonianze della storia di Lucca, lungo un percorso che inizia dall’età più antica sino alle soglie del XXI secolo. I suoi contenuti quindi possono essere ampliati e migliorati, grazie anche all’apporto di altri enti. Si passa così dal concetto di Città Museo, al concetto di Città Opera d’arte, perché i visitatori sono invogliati ad andare a vedere coi propri occhi, a piedi e con i bambini per  mano, le nostre bellezze”.

“Una parte di palazzo Guinigi – ha spiegato Angelo Nencetti – è a disposizione per ospitare mostre temporanee, una parte, invece, è allestito con mostre permanenti: uno spazio che supera il concetto storico di museo cittadino e in linea con le più moderne soluzioni internazionali di rappresentazione degli spazi urbani, il complesso è concepito come spazio narrativo che illustra le principali caratteristiche del contesto urbano e territoriale, nonché le sue trasformazioni nel tempo”. I reperti e gli oggetti che saranno esposti verranno contestualizzati in ambienti virtuali e attraverso simulazioni tridimensionali, concepiti e realizzati per documentare con chiarezza per leggere l’evoluzione e l’avvicendamento dei principali avvenimenti della storia della comunità lucchese e quindi interpretare  le trasformazioni significative che nel corso dei secoli hanno caratterizzato non solo la mirabile città murata ma tutto il territorio.

Un museo pensato non solo per i turisti, ma anche per i cittadini, per le scuole per far acquisire a tutti maggiore consapevolezza della nostra città, della sua storia. Il progetto mira a far conoscere un patrimonio di civiltà unico al mondo e a guidarne la visita nei luoghi dove tale patrimonio si trova collocato rendendone più comprensibili i valori esemplari sia dal punto di vista didattico, che della fruizione efficace di un turismo sostenibile ed informato, che del consolidamento della coscienza civica per servire alle scelte contemporanee e future. Tradizione e innovazione tecnologica procederanno quindi assieme lungo gli ambienti suggestivi del Palazzo Guinigi, simbolo di epoche eccellenti della storia della città. Il progetto, concepito da una equipe di studiosi, è risultato terzo nella graduatoria per l’assegnazione dei fondi regionali di cui al Programma pluriennale degli interventi strategici nel settore dei beni culturali, per gli anni 2006/2008 e quindi co-finanziato dalla Regione Toscana con la partecipazione del Comune e della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

 

Sabato 22 ottobre il Museo apre con una programmazione di tre eventi culturali di grande richiamo che arriveranno fino all’anno nuovo:

Lucca passo passo    

Mostra  permanente dedicata alla storia di Lucca. L’evoluzione della città, e della  sua comunità vista in un percorso espositivo che, con taglio innovativo e attraverso l’ausilio di splendidi filmati, audiovisi interattivi, assicura al visitatore un completo coinvolgimento nelle emozioni e sensazioni della conoscenza della nostra splendida città. La mostra è posizionata nei saloni del primo piano del palazzo Guinigi, ove si possono ammirare soprattutto gli splendidi soffitti e pareti affrescate restaurate.

“150 Come eravamo luoghi e volti della Lucca di fine millennio” dal 22 Ottobre 2011 al Marzo 2012  Uno splendido percorso espositivo, che trovando degna cornice e sede a palazzo Guinigi, nel Museo della città , grazie alle centinaia di  foto esposte –  patrimonio dell’archivio fotografico lucchese “A.Fazzi” –  assicura al visitatore uno splendido viaggio nella Lucca che era, ma che, fortunatamente, ancora è. La mostra , posizionata nei saloni del secondo piano del Palazzo Guinigi, si compone di oltre 200 immagini selezionate da quelle presenti nell’archivio dell’AFL “Arnaldo Fazzi”. La mostra è stata realizzata su un’idea di Angelo Nencetti e curata dalla coordinatrice dell’Archivio Fotografico e Maria Pacini Fazzi. L’esposizione rientra fra gli eventi culturali inseriti nel programma delle celebrazioni per i 150 anni dall’Unità d’Italia.

Buzzelli – frammenti dall’assurdo  dal 22 ottobre 2011 al 31 gennaio 2012
Una grande mostra dedicata ad un insigne maestro del fumetto italiano: realizzata dal Museo Italiano del Fumetto e dell’Immagine di Lucca, in collaborazione con l’Associazione Guido Buzzelli, si compone di oltre 80 illustrazioni e tavole originali a fumetti realizzate nel corso della carriera dal maestro romano. L’esposizione è collocato al terzo piano di Palazzo Guinigi, da cui il visitatore potrà ammirare dall’alto gli splendidi paesaggi della città e degli spazi circostanti.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi