Header ad
Header ad
Header ad

Censimento: obbligo risposta o multa

CENSIMENTO: OBBLIGO RISPOSTA O MULTA FINO 2 MILA EURO

È obbligatorio per i cittadini rispondere,e rispondere«correttamente»,al questionario sul censimento.Chi non ottempera a questo obbligo(fissato da un decreto legislativo del 1989,n. 322)incorre in una sanzione amministrativa che può andare da un minimo di 206 euro ad un massimo di 2.065.Le multe vengono emesse solo se-dopo una procedura di accertamento-si rileva che il rifiuto a rispondere alle domande è netto e «consapevole». Stesso trattamento è previsto per chi volontariamente risponde in modo errato alle domande col rischio così di alterare i risultati della rilevazione.
 
Tuttavia, la normativa in vigore prevede che i cittadini possano rispondere o meno alle domande che riguardano dati sensibili. Dal canto suo, l’Istat ha l’obbligo della riservatezza dei dati personali raccolti nel Censimento. Infatti, l’Istituto nazionale di statistica è tenuto a rispettare il segreto statistico e il segreto d’ufficio. I dati raccolti possono essere utilizzati solo per fini statistici e non possono essere comunicati ad altre istituzioni o persone, se non elaborati e pubblicati sotto forma di tabelle e in modo tale che non sia possibile alcun riferimento a persone identificabili. Il rispetto del segreto statistico si inserisce nella più ampia tutela dei dati personali prevista dal Codice in materia di protezione dei dati personali. Al di là di questi obblighi di legge, l’Istat sottolinea che «in 85 anni di attività non è mai venuto meno il rispetto della riservatezza delle informazioni raccolte».

Per la consegna del questionario c’è tempo comunque fino al 20 novembre, poi partiranno gli accertamenti dei rilevatori.

 

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi